Archive for maggio, 2013

Dario per Franca di Dario Fo

“Franca ed io abbiamo scritto quasi sempre i testi del nostro teatro insieme. Io mi prendevo l’onere di mettere giù la trama quindi gliela illustravo e lei proponeva le varianti, spesso li recitavamo a soggetto, all’improvvisa, come si dice… Questo era il metodo preferito ma non sempre funzionava. Si discuteva anche ferocemente, si buttava tutto all’aria e si ricominciava da capo. In verità mi trovavo a dover riscrivere di nuovo il testo da solo. Poi lo si discuteva con più calma e si giungeva ad una versione che funzionasse e che andasse bene a tutt’e due.

Continue Reading 30 maggio 2013 at 21:23 Lascia un commento

Popoli uniti contro la Troika: 1 giugno 2013 manifestazione internazionale

-1
POPOLI UNITI CONTRO LA TROIKA
Le inumane e brutali politiche di austerità imposte dalla Troika (banco centrale Europeo, Fondo Monetario Internazionale e Commisiione Europea) con l’aiuto dei governi complici, stanno determinando in Europa la maggior crisi democratica degli ultimi anni: milioni di persone condannate alla disoccupazione, alla povertá e alla morte per un debito illegittimo e impagabile, che è per la maggior parte privato: di banche, grandi imprese e entitá finanziarie. Il riscattto europeo delle banche, avvallato e garantito dallo Stato, una volta di piú privatizza i profitti e socializza le perdite ed esige tagli inaccettabili. 
Con la scusa del debito e della crisi hanno cambiato le Costituzioni, senza ascoltare le nostre voci con referendum, imponendo la cancellazione dei servizi pubblici come salute e educazione, che passano  a settori privati  come una “opportunitá per fare affari” vulnerando i diritti sociali e de lavoro conquistati negli ultimi decenni. Insieme a questo si determina per molte famiglie la perdita dell’alloggio e delle possibilitá minime e basiche di vita. 
La dissoluzione del limite tra pubblico e privato alimenta la corruzione impune che degrada la nostra societá e deteriora la politica nel suo obiettivo di strumento di azione al servizio della cittadinanza. Obiettivi la privatizzazione e lo sfruttamento, la concentrazione delle ricchezze e il trionfo delle politiche neoliberiste. 
Sia attraverso i memoranda imposti dalla Troika in Grecia, Irlanda, Portogallo e Cipro, sia attraverso il riscatto finanziario nello stato spagnolo, si sta producendo un passaggio di denaro pubblico alle entitá finanziarie a costo della perdita dei diritti di base, l’impoverimento della popolazione e l’aumento delle disuguaglianze sociali in tutta Europa 
Questo cambio deve partire da una democratizzazione dell’Europa nelle mani della cittadinanza perché i diritti delle persone e le decisioni politiche democratiche si impongano sull’avarizia delle istituzioni, dei mercati finanziari e delle grandi multinazionali. 
Mentre celebriamo il secondo anniversario del 15M, della presa di coscienza politica della cittadinanza, dei nuovi movimenti socilai che stanno costruendo  dal basso alternative alle politiche neoliberiste attraverso assemblee, maree, piattaforme, sappiamo che le lotte richiedono una convergenza a livello internazionale. 
In Europa,  diversi movimenti di Spagna, Francia, Italia, Grecia, Cipro, Irlanda,  Inghilterra, Scozia, Germania e Slovenia si sono riuniti a Lisbona il  passato 26 aprile 2013 invitati da persone del movimento portoghese “Via  la Troika” e stanno convocando manifestazioni decentrate per il  prossimo 1 di giugno contro le politiche di risanamento del debito con lo slogan “Popoli uniti contro la Troika” 
Questo  è l’inizio di un processo decentralizzato, inclusivo e partecipativo.  Vogliamo costruire collettivamente, unendo le nostre forze e azioni e  protestando internazionalmente contro la Troika. Invitiamo tutte le  persone con o senza partiti, con o senza lavoro, con o senza speranza a  unirsi a questa proposta il prossimo 1 giugno. Invitiamo  tutte le  organizzazioni politiche, i movimenti sociali, i sindacati, i  partiti, i  collettivi, i gruppi informali, a unirsi in questa giornata internazionale. 
Vogliamo  continuare ampliando questa alleanza, tanto a livello nazionale che  internazionale, giacché siamo coscienti che solo l’unione delle nostre voci potrá fermare la nuova onda di tagli que si stanno preparando. I popoli d’Europa hanno mostrato che non sono disposti a pagare con altri inutili sacrifici. 
É arrivato il momento di mostrare la nostra nuova  capacitá di coordinare la lotta per una altra Europa, l’Europa delle  persone 
Da Nord a Sud, da Est a Ovest 
occupiamo le strade di tutta Europa contro la Troika 
Per la democrazia, la libertgá, i diritti 
No al colpo di stato finanziario.
Non Dobbiamo, NON paghiamo 
Le alternative e le soluzioni ci sono: 
  • Giustizia sociale e ecologica
  • Democrazia partecipativa e trasparente 
  • Difesa dei servizi pubblici 
  • Auditoria pubblica contro il debito illegittimo

23 maggio 2013 at 15:23 Lascia un commento

Ciao Don! da Renato

941188_10151621398502855_308383584_n

Ciao Don
Se ne è andato un amico passionale degli emarginati, dei diseredati e degli umili, un  uomo di  grande spiritualità ed un  combattente tenace contro tutte le ingiustizie : Don Andrea Gallo.

Contro il G8 di Genova in Piazzale Kennedy, insieme  alle Madres de Plaza de Mayo, seppe parlare al cuore dei manifestanti e delle manifestanti ed anche alla  nostra saggezza. E si evitò di cadere nella trappola della violenza, tesa dal sistema contro di noi.

Tante azioni ed opere di costruzione di una comunità sociale nuova e diffusa nel territorio che insieme alla riabilitazione ed al reinserimento coniugava impegno, lotta, lavoro e prospettiva a livello locale ed internazionale.

Una politica con la P maiuscola la sua,  che non sono riusciti a ingabbiare in nessun vicolo cieco partitista, burocratico  o istituzionalista ma nemmeno in quello del movimentismo di facciata.

Era nato nel 1928, come il Che, come Hebe de Bonafini delle Madres de Plaza de Mayo che adorava.

Ci abbiamo scherzato su proprio il 12 marzo di quest’anno al ristorante La Lanterna gestito dalle persone della Comunità di San Benedetto: insieme a lui,  Hebe ed altri compagni di Genova.

Un compagno di strada determinato e gioioso per tutti noi che cerchiamo di costruire  quotidianamente il nuovo mondo possibile e necessario.

Ciao amico, fratello e compagno Andrea. Ciao Don

Renato Di Nicola- Abruzzo Social Forum

22 maggio 2013 at 17:45 Lascia un commento

18 maggio, il Terzo Stato con la Fiom”. Firma l’appello anche tu

fiom_2

Il 18 maggio la Fiom scende in piazza con una grande manifestazione nazionale

BASTA! NON POSSIAMO PIU’ ASPETTARE. Diritto al lavoro, all’istruzione, alla salute, al reddito, alla cittadinanza, per la giustizia sociale e la Democrazia.

Già nelle parole d’ordine, chiama alla mobilitazione non solo i lavoratori metalmeccanici ma l’intero “Terzo Stato”.
Sarà la prima manifestazione di opposizione e lotta costruttiva al governo Letta-Alfano da parte di tutti i cittadini che ancora si riconoscono nella Costituzione repubblicana e hanno come programma politico la realizzazione dei valori di giustizia e libertà che la informano.
Crediamo sia dovere del mondo della cultura, inteso nel senso più ampio, partecipare in modo attivo alla realizzazione e al successo di questa giornata di lotta, caratterizzata dalla più autentica e positiva “larga intesa”, quella fra cittadini che non si piegano alla crescente diseguaglianza, alla crescente illegalità, alla crescente dismisura del privilegio, alla crescente distanza fra i cittadini-elettori e i centri di decisione politica ed economica, nazionali e sovranazionali. In questa “larga intesa” tra cittadini non può esserci spazio per revisioni della Costituzione affidate a “Convenzioni” che si adopereranno per stravolgerla.

Andrea Camilleri, Roberta De Monticelli, Paolo Flores d’Arcais, Margherita Hack, Fiorella Mannoia, Adriano Prosperi, Stefano Rodotà, Salvatore Settis, Barbara Spinelli, Gino Strada, Gustavo Zagrebelsky

Nuove adesioni: Gianni Vattimo, Gad Lerner, Furio Colombo, Dario Vergassola, Luca Mercalli, Andrea Purgatori, Carlo Formenti, don Raffaele Garofalo

Firma anche tu e passaparola!

 

FIRMA ANCHE TU 

15 maggio 2013 at 07:39 Lascia un commento

SPAGNA: IL MOVIMENTO 15M COMPIE DUE ANNI. MANIFESTAZIONI IN TUTTO IL PAESE.

manifestazione spagna 15m

Nuove manifestazioni in tutta la Spagna domenica 12 maggio, in occasione del secondo anniversario del movimento 15M.

Era infatti il  maggio del 2011 quando decine di migliaia di persone, soprattutto giovani, occuparono il centro di Madrid e Puerta del Sol.

Da allora, complice anche la difficilissima situazione spagnola, che vede oltre 5 milioni di disoccupati pari al 26,3% della popolazione attiva, si sono moltiplicate le iniziative e le proteste contro l’austerity imposta dalla troika: dalle mobilitazioni della marea bianca contro la privatizzazione delle strutture sanitarie, a quelle della marea verde, di insegnanti e studenti, contro la riforma dell’istruzione pubblica, fino ai quotidiani picchetti contro gli sfratti.

Ieri il movimento è tornato in piazza in decine di città. “Fermiamo il genocidio finanziario; insieme possiamo” è lo slogan con cui sono hanno manifestato a Barcellona, in Plaza de Catalunya che ha visto la partecipazione di molti attivisti dei collettivi delle Piattaforme contro gli sfratti (PAH), docenti, studenti, lavoratori della sanità. Una giornata che è terminata con l’occupazione di un edificio di 4 anni nel centro di Barcellona, da tempo abbandonato.

La manifestazione più partecipata è stata ovviamente quella nella capitale.

Tre i cortei  che sono partiti da altrettanti punti del centro per poi confluire a Puerta del Sol,  la piazza divenuta nota in tutto il mondo per le ‘acampadas’ di due anni fa, le cariche, gli arresti.

In serata si sono tenute nuove assemble di piazza, occasione per rilanciare nuovi appuntamenti: da domani il 14 maggio fino al 19 sono stati organizzati 19 gruppi di lavoro, previsti anche dei ” tribuunali cittadini” dove chi è sotto sfratto potrà chedere assistenza legale.

Il tutto con uno sguardo al prossimo primo giugno per una mobilitazione europea contro la troika e le misure di austerity, contro il regime di crisi dell’unione europea. Una proposta nata in Portogallo, ma aperta a tutti i paesi che sta già ottenendo molte adesioni anche in Spagna.

cronaca del 12 maggio  audio corrispondenza con Radio Onda D’urto da Madrid

12 maggio 2013 at 15:07 Lascia un commento

Nessuna marcia sui nostri corpi

Roma ricorda Giorgiana Masi

Continue Reading 12 maggio 2013 at 14:52 Lascia un commento


Prossimi appuntamenti

É ora di riprenderci i nostri spazi pubblici per discutere sul nostro futuro tutti e tutte insieme.
Occupazione pacifica delle piazze pubbliche
Creazione di spazi di incontro, dibattito e riflessione.
É nostro dovere recuperare gli spazi pubblici,
decidere insieme che mondo vogliamo
e costruire le alternative.

Riprendiamoci le piazze! Riprendiamoci le strade!

ll capitalismo globalizzato nuoce gravemente alla salute.... e puo' indurre, nei soggetti piu' deboli, alterazioni della vista e dell'udito, con tendenza all'apatia e la graduale perdita di coscienza ... (di classe) :-))

Articoli Recenti

Calendario

maggio: 2013
L M M G V S D
« Apr   Dic »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031