Archive for luglio, 2011

Porta del Sol: la rivoluzione in marcia

Annunci

16 luglio 2011 at 16:42 Lascia un commento

VITTORIO, UN TIMBRO PER LA VERITA’ di Michele Giorgio

Il governo di Hamas non mantiene la promessa fatta a giugno e si rifiuta di consegnare alla famiglia dell’attivista italiano ucciso tre mesi fa a Gaza il fascicolo con il risultato delle indagini
questo articolo e’ stato pubblicato il 15 luglio 2011 dal quotidiano Il Manifesto

Continue Reading 15 luglio 2011 at 17:13 Lascia un commento

Era mio figlio. Egidia Beretta ricorda Vittorio Arrigoni

15 luglio 2011 at 16:53 Lascia un commento

End financial control of European governance. We need Eurobonds and a new charter for Europe by Susan George

Susan George is TNI fellow, President of the Board of TNI and honorary president of ATTAC-France [Association for Taxation of Financial Transaction to Aid Citizens]
http://www.tni.org/interview/we-need-eurobonds-and-new-charter-europe

Continue Reading 15 luglio 2011 at 16:25 1 commento

1 luglio 2011… la freedom flotilla, stay human arriva a Gaza, nella piazza del ministero degli affari esteri

14 luglio 2011 at 16:14 Lascia un commento

Un murales per il diritto all’acqua negato da Israele in Gaza

14 luglio 2011 at 08:19 Lascia un commento

Podelch, l’ex procuratore militare cileno assolto dall’Italia di Geraldina Colotti da il manifesto

Assolto per non aver commesso il fatto. Non esercitabile l’azione penale per il reato di strage. Prescritta l’imputazione di sequestro di persona. Dopo cinque ore di camera di consiglio, la Corte d’assise di Roma, presieduta da Anna Argento, ha disposto ieri l’immediata scarcerazione di Alfonso Podlech Michaud, ex-procuratore militare nella regione di Temuco, nel sud del Cile, ai tempi di Augusto Pinochet.

Continue Reading 12 luglio 2011 at 14:32 Lascia un commento

Egidia Beretta Arrigoni ” Il coraggio di dirlo ”

9 luglio 2011 at 00:39 Lascia un commento

Attivist@ della Flytilla arrestat@ al loro arrivo nell’aeroporto di Tel Aviv per aver gridato Palestina libera, ad altr@ 200 è stata impedita la partenza dagli aeroporti di provenienza complici le linee aeree anche queste al servizio di Israele. La società civile si indigna mente le istituzioni tutte sono servili e silenti. Vergogna!

8 luglio 2011 at 14:15 Lascia un commento

OPEN LETTER to MR. BAN KI MOON and to MR. GEORGE PAPANDREOU. we are all Freedom Flotilla II – Stay Human

To:

UN Secretary-General Mr. Ban Ki-Moon, inquiries@un.org

Prime Minister of Greece Mr. Georghe Papandreou dialogue@politicalforum.gr

Embassy of Greece of the country where you live  (find the contact in internet… it’s easy)

The blockade imposed on the ships of the Freedom Flotilla by the Greek government is a proof that the illegal blockade imposed on Gaza by Israel has been extended to the Greek coasts. This fact reveals how far-reaching is, today, the unquestioned and unpunished Israeli power. Considering that:

1. Israel and Gaza are not in a state of war;

2. the occupation of Gaza is illegitimate;

3. the block cannot be extended to ships carrying humanitarian aids

we want to reaffirm that Israel is violating – for the umpteenth time – the international law and is distinguishing itself for its intimidations against all those who plan to challenge its blockade. Israel has been trying for a long time to stop the mission of peace of the Freedom Flotilla 2 – Stay Human, and has been doing it by any means, not least by promising financial aids (Haaretz, July 1, 2011) to a country – Greece – that is facing an unprecedented internal crisis and by threatening harsh retaliation against the population of Gaza if any ship of the Flotilla should reach the coast of the Gaza Strip: today we have already received the news of a missile fired by Israel into Gaza, leaving two men dead and various people injured.

And nobody is saying anything, neither the UN, nor any other Institution. Surely it was not helpful, Mr Ban Ki Moon, your statement in May, when you asked that the Flotilla didn’t set sail, notwithstanding its keeping with the norms of international law, instead of asking Israel – a state in default of UN resolutions – not to interfere. “We call on all Governments, especially those of the countries around the Mediterranean sea, to use their influence to discourage the flotilla, to ‘avoid an escalation of violence’”.

Not only has this statement given to the Governments a “shield” to hide themselves, but it has also favoured that “intensity of international relations”, as defined by Art. 128 of the Greek Navigation Code, under which the Captain of the Audacity of Hope was arrested. And his release, today, bears testimony to the fact that there were no charges to justify his detention.

We expected that the UN would express a position consistent with the resolutions it has adopted. We still would like to be able to appeal to the UN as an international organization created with the aim of safeguarding respect for international law. By supporting Israel’s arbitrary actions, the UN is making itself a party to illegality.

The cargo on the ships of the Flotilla consists of humanitarian aids bound for the population of Gaza, aids which are essential to ensure the fundamental rights to freedom from hunger and to health care to the Gaza people, who are besieged and starved by an illegal blockade unilaterally imposed by Israel and condemned by the UN. (Incidentally, we inform you that the medicine carried by the Canadian boat, which is also blocked in Greece, are at risk of deterioration, due to lack of the electricity needed to run the refrigeration equipment, after being boarded by members of the Greek coast guards).

The “Freedom Flotilla 2 – Stay Human” is undoubtedly a humanitarian operation carried out within the “global civil society”, and its right to take action is established by the international law itself, as well as by various UN resolutions:

a) Article 1 of the United Nations Declaration of 9 December 1998: “Everyone has the right, individually and in association with others, to promote and to strive for the protection and realization of human rights and fundamental freedoms at the national and international levels.”

b) UN resolution n. 1860/2009: “Stressing that the Gaza Strip constitutes an integral part of the territory occupied in 1967 (…) Expressing grave concern also at the deepening humanitarian crisis in Gaza,(…) Calls for the unimpeded provision and distribution throughout Gaza of humanitarian assistance, including of food, fuel and medical treatment; Welcomes the initiatives aimed at creating and opening humanitarian corridors and other mechanisms for the sustained delivery of humanitarian aid”.

c) “Presidential Statement” adopted by the Security Council on the night of 31 May 2010, when the Israeli Navy attacked the Mavi Marmara killing 9 activists and injuring many others: “The Security Council requests the immediate release of the ships as well as the civilians held by Israel. (…) The Council urges Israel (…) to ensure the delivery of humanitarian assistance from the convoy to its destination. (…) stresses that the situation in Gaza is not sustainable. The Council re-emphasizes the importance of the full implementation of resolutions 1850 (2008) and 1860 (2009). In that context, it reiterates its grave concern at the humanitarian situation in Gaza and stresses the need for sustained and regular flow of goods and people to Gaza as well as unimpeded provision and distribution of humanitarian assistance throughout Gaza.” This is a very important point, because on one side it implicitly recognizes the illegality of the unilateral blockade on Gaza, on the other side it endorses the legitimacy of the humanitarian goals pursued by the Flotilla. According to the UN Resolutions, Gaza “constitutes an integral part of an occupied territory”: this means that it applies to Gaza the IV Geneva Convention which forbids collective punishment of a civilian population and requires that the occupying power take care of the besieged civilian population.

Israel is ignoring both these claims. Israel’s behaviour does not surprise us, having been the same for years. Instead, we would like to understand why the UN position is so dramatically changed compared to what has been ratified by the international law and compared to the Resolutions the UN itself adopted in the past. And most of all, Mr Ban Ki Moon, we would like to hear the UN voice condemn the illegal blockade on Gaza and support all the people and the associations who are working for a better world, where peace and rights be granted to all the peoples.

LET THE BOATS SAIL TO GAZA!

Respectfully yours (date, name, surname, address of the sender)

We are all on the Freedom Flotilla 2- Stay Human

TRADUZIONE LETTERA APERTA AL SEGRETARIO GENERALE DELLE NAZIONI UNITE, MR. BAN KI MOON e AL PRIMO MINISTRO DI GRECIA, MR. PAPANDREOU

Il blocco delle navi della Freedom Flotilla da parte del Governo greco è una dimostrazione che il blocco illegale imposto a Gaza da Israele si estende ora fino alle coste greche. Questo avvenimento mette in chiaro fin dove arriva, oggi, il potere indiscusso ed impunito di Israele. Considerando che: 1. non c’è stato di guerra tra Israele e Gaza; 2. l’occupazione di Gaza è illegittima; 3. il blocco non può estendersi a navi in soccorso umanitario vogliamo ribadire che Israele sta violando – per l’ennesima volta – il diritto internazionale e si sta distinguendo per le intimidazioni a tutti coloro che intendono sfidare il blocco. Israele sta tentando da tempo di fermare la missione di pace della Freedom Flotilla 2 – Stay Human, e lo sta facendo con ogni mezzo, non ultima la promessa di aiuti finanziari (Haaretz, 1 luglio 2011) ad un Paese – la Grecia – che sta attraversando una crisi interna senza precedenti e la minaccia di pesanti ritorsioni sulla popolazione di Gaza se una barca della Flotilla dovesse raggiungere le coste della Striscia: già oggi si è avuta notizia di un missile lanciato da Israele su Gaza; bilancio: due morti e svariati feriti. E nessuno dice nulla, non l’ONU, non le Istituzioni. Certamente, Mr. Ban Ki Moon, non ha aiutato la Sua dichiarazione del maggio scorso, con cui chiedeva alla Flotilla, in regola con il diritto internazionale, di non partire anziché ad Israele di non interferire. Ad un Israele inadempiente alle risoluzioni emesse dall’ONU stesso. “Chiediamo a tutti i Paesi, soprattutto a quelli che affacciano sul Mediterraneo di usare la propria influenza per bloccare la partenza delle navi, per “evitare un’escalation della violenza”. Tale dichiarazione non solo ha fornito ai Governi uno “scudo” dietro cui nascondersi, ma ha anche favorito quella “intensity of international relations” di cui all’art. 128 del Codice di Navigazione greco in base al quale è stato arrestato il capitano della Audacity of Hope, che fortunatamente è stato rimesso in libertà oggi, a prova del fatto che non esistevano elementi per il trattenimento. Dall’ONU ci aspettavamo una presa di posizione coerente con le risoluzioni emesse. Noi vorremmo ancora poterci appellare all’ONU come ad un organismo internazionale nato per salvaguardare il rispetto della legalità internazionale. Sostenendo invece le azioni arbitrarie di Israele, l’ONU si sta rendendo complice dell’illegalità. Il carico delle navi della Flotilla è costituito da aiuti umanitari diretti alla popolazione di Gaza, indispensabili per soddisfare il diritto fondamentale all’alimentazione e il diritto fondamentale alla salute degli abitanti di Gaza, assediati e affamati da un blocco illegale, unilateralmente deciso da Israele e condannato dalle Nazioni Unite. (Tra l’altro, i medicinali trasportati dalla barca canadese, bloccata anch’essa in Grecia, sono a rischio di deterioramento a causa della mancanza, a seguito dell’abbordaggio da parte della Guardia costiera greca, della corrente elettrica indispensabile a mantenere in funzione l’impianto di refrigerazione). La “Freedom Flotilla 2 – Stay Human” ha indubbiamente i caratteri di un’operazione umanitaria di “società civile globale”, legittimata ad agire proprio dal diritto internazionale, oltre che da svariate risoluzioni ONU: a) articolo 1 della Dichiarazione delle Nazioni Unite del 9 dicembre 1998: “Tutti hanno il diritto, individualmente e in associazione con altri, di promuovere e lottare per la protezione e la realizzazione dei diritti umani e delle libertà fondamentali a livello nazionale e internazionale”. b) Risoluzione ONU n. 1860/2009: “Sottolineando che la Striscia di Gaza costituisce parte integrale del territorio occupato nel 1967 (…) esprimendo profonda preoccupazione per l’aggravarsi della crisi umanitaria a Gaza, (…) urge per l’incondizionato rifornimento e distribuzione in Gaza di assistenza umanitaria, compreso il cibo, l’energia e le cure mediche, saluta con favore le iniziative miranti a creare e aprire corridoi umanitari e altri meccanismi per la continua somministrazione di aiuto umanitario”. c) “Presidential Statement” deciso dal Consiglio di Sicurezza nella notte dal 31 maggio 2010, quando la Marina israeliana attaccò la Mavi Marmara uccidendo 9 attivisti e ferendone molti altri: “Il Consiglio di Sicurezza (…) richiede l’immediato rilascio delle navi e dei civili detenuti da Israele (…). Sollecita Israele perché (…) garantisca l’arrivo a destinazione dell’assistenza umanitaria portata dal convoglio (…). Sottolinea che la situazione in Gaza non è sostenibile e ribadisce l’importanza della piena attuazione delle risoluzioni 1850 (2008) e 1860 (2009) che reiterano la profonda preoccupazione per la situazione umanitaria a Gaza e sottolineano la necessità di un flusso continuativo e regolare di beni e di persone verso Gaza nonché l’incondizionato rifornimento e distribuzione di assistenza umanitaria dentro Gaza”. E’ questo un punto molto importante, poiché da un lato riconosce implicitamente l’illegalità del blocco unilaterale di Gaza, dall’altro avalla la legittimità delle finalità di aiuto umanitario perseguite dalla Flottiglia. Gaza, ai sensi delle Risoluzioni delle stesse Nazioni Unite, è “parte integrale di un territorio occupato”: vale quindi la IV Convenzione di Ginevra che vieta la punizione collettiva della popolazione civile ed obbliga il Paese occupante a prendersi cura del benessere della popolazione civile sotto assedio. Israele sta disattendendo entrambi questi aspetti. L’atteggiamento di Israele non ci meraviglia, dato che da anni è sempre lo stesso. Vorremmo invece capire in base a cosa le posizioni dell’ONU sono così radicalmente cambiate rispetto a quelle stabilite dalla legislazione internazionale e dalle Risoluzioni in precedenza varate dalla stessa ONU. E vorremmo soprattutto sentire la voce dell’ONU, Mr. Ban Ki Moon, condannare il blocco illegale su Gaza e sostenere le persone e le realtà che si impegnano per un mondo diverso, in cui la pace ed i diritti umani siano assicurati a tutti i popoli. LET THE BOATS SAIL TO GAZA!

Cordiali saluti,

(data, nome, cognome, indirizzo mittente)

We are all on the Freedom Flotilla 2

6 luglio 2011 at 09:02 Lascia un commento

5 luglio 2011: un gruppo di attivist@ della Flotilla della libertà restiamo uman@ occupa l’ambasciata di Spagna ad Atene contro la decisione del governo greco di appoggiare Israele nel blocco delle navi che avrebbero dovuto raggiungere Gaza

5 luglio 2011 at 07:06 Lascia un commento

Azione violenta di una manifestante NO TAV in Val di Susa

4 luglio 2011 at 07:53 Lascia un commento


Prossimi appuntamenti

É ora di riprenderci i nostri spazi pubblici per discutere sul nostro futuro tutti e tutte insieme.
Occupazione pacifica delle piazze pubbliche
Creazione di spazi di incontro, dibattito e riflessione.
É nostro dovere recuperare gli spazi pubblici,
decidere insieme che mondo vogliamo
e costruire le alternative.

Riprendiamoci le piazze! Riprendiamoci le strade!

ll capitalismo globalizzato nuoce gravemente alla salute.... e puo' indurre, nei soggetti piu' deboli, alterazioni della vista e dell'udito, con tendenza all'apatia e la graduale perdita di coscienza ... (di classe) :-))

Articoli Recenti

Calendario

luglio: 2011
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031