Madrid, Puerta del Sol. Il Movimento “AcampaSol”

19 maggio 2011 at 07:18 1 commento

Ieri 18 maggio una bellissima giornata in Porta del Sol. Moltissime assemblee, riunioni delle diverse commissioni, discussioni lunghissime e partecipate. Cibo e bevande sono arrivate durante tutto il giorno in quantità necessarie per il popolo della piazza. Un cartello dice “Niente alcol qui in piazza” e “manteniamo la piazza in ordine”

Ma la cosa che più colpisce sono i continui punti di discussione e di partecipazione sul chi siamo e cosa vogliamo, con una grande voglia di non farsi imbrigliare nelle discusiioni elettorali del voto o non voto e di definirsi come movimento che vuole andare oltre la scadenza delle amministrative del 22 maggio qui in Spagna.

Cartelli alla fermata della metropolitana, riunioni per definire le proposte del movimento. La stazione della metropolitana, il punto di raccolta delle proposte, era tappezzata, intorno al grande cartello “Se non ci lasciano sognare non li lasceremo dormire”  dai fogli A4 con le proposte lasciate durante il giorno dalle persone del movimento e dai passanti che trovavano in luogo dove poter esprimere i propri desideri.

E prese di posizione come “questa piazza non è più Democracia Real”, la piattaforma che ha convocato la manifestazione del 15 maggio da cui questa manifestazione è nata, “questa piazza siamo noi con le nostre differenze e nessuno, partito o sindacato o oganizzazione ci può mettere bandiere”.

Questa piazza è una scuola di partecipazione diretta, di democrazia patecipata, di cittadinanza attiva. Uno dei  gruppi durante tutto il pomeriggio ha studiato la legge elettorale spagnola per vedere quali sono le conseguenze in termini di maggioranze della non partecipazione al voto, delle schede bianche, delle schede annullate al di là delle scelte individuali di voto. Forti le critiche rispetto ai forti e “surreali” come li definisce una signora dentro la piazza premi elettorali delle maggioranze e dei partiti. Molti i riferimenti al movimento globale, alla necessità di lanciare con forza una proposta di lotta a livello europeo e molti i messaggi di solidarietà.

La pagina di Twitter e di facebook sono in continuo fermento.

Nonostante Esperanza Aguirre (sindaca di destra di Madrid) avesse dichiarato illegale la presenza in piazza e avesse tappezzato le fermate della metropolitana con le sue dichiarazioni per disincentivarla,  migliaia e migliaia di persone, ancora più che nelle giornate precedenti, si sono riversate in piazza delle 20 in poi.

La tensione che circolava fortemente intorno alle 19, rispetto a un possibile intervento di sgombro, si è sciolta e la piazza si è tranquillizzata riprendendo il suo aspetto di fucina politica e di movimento sicuramente variegato e interessante viste le facce e i profili dei presenti.

Alle 20.30 una assemblea generale della piazza che è durata fino alle prime ore dell’alba e ben 8 aree di discussione dove oltre ai giovani si sono uniti molte persone anche adulte e pensionati.

La presenza femminile caratterizza questa piazza, molte le donne che intervengono, che coordinano i vari settori e che partecipano alla costruzione di questo interessante laboratorio.

Annunci

Entry filed under: Uncategorized. Tags: , , .

la lezione di Vittorio Arrigoni il 15 maggio Leo Bassi ci porta sulle vie della corruzione di madrid: il BASSIBUS

1 commento Add your own

  • 1. Roberto Solone Boccardi  |  19 maggio 2011 alle 08:26

    Ottimo articolo! Solo una precisazione, Esperanza Aguirre è la Presidenta de la Comunidad de Madrid, Gallardón è invece il sindaco di Madrid

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Prossimi appuntamenti

É ora di riprenderci i nostri spazi pubblici per discutere sul nostro futuro tutti e tutte insieme.
Occupazione pacifica delle piazze pubbliche
Creazione di spazi di incontro, dibattito e riflessione.
É nostro dovere recuperare gli spazi pubblici,
decidere insieme che mondo vogliamo
e costruire le alternative.

Riprendiamoci le piazze! Riprendiamoci le strade!

ll capitalismo globalizzato nuoce gravemente alla salute.... e puo' indurre, nei soggetti piu' deboli, alterazioni della vista e dell'udito, con tendenza all'apatia e la graduale perdita di coscienza ... (di classe) :-))

Articoli Recenti

Calendario

maggio: 2011
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: