Le associazioni e gli operatori scolastici insorgono contro l’ennesimo attacco alla scuola dell’accoglienza e dell’inclusione

14 maggio 2009 at 17:32 Lascia un commento

di Filippo Miraglia, responsabile immigrazione Arci

La ministra Gelmini non se ne fa proprio una ragione! Che i figli degli stranieri possano frequentare, come hanno fatto finora, le scuole patrie non le va giù.

Dopo le classi differenziate, per fortuna giudicate troppo discriminatorie anche dalla sua maggioranza, ecco la proposta del 30%: in ogni classe gli stranieri non possono superare questa percentuale sul totale degli alunni. Ovviamente la proposta non solo è irricevibile dal punto di vista del diritto universale all’istruzione sancito dalla Costituzione e dalle convenzioni internazionali, ma è pure assolutamente impraticabile come tutti gli operatori della scuola hanno denunciato.

Chi decide come e dove “deportare” gli “eccedenti”, tenendo conto che la redistribuzione comporterebbe il quasi svuotamento di scuole a forte presenza di stranieri, il cui allontanamento sarebbe compensato dallo spostamento di alunni italiani presi da altri istituti, garantendone il trasporto da un istituto all’altro, da un quartiere all’altro.

Una follia, che costerebbe un mucchio di soldi ai comuni che dovrebbero garantire i trasporti e lo sradicamento dal proprio ambiente per bambini italiani e stranieri. Assolutamente antieconomico e antipedagogico, ma si sa che la qualità della formazione dei ragazzi è l’ultimo dei pensieri della ministra dell’istruzione. Quel che conta è fare un po’ di demagogia e far passare la convinzione che gli stranieri sono un problema ovunque e comunque, anche a scuola.

Altra questione che ha fatto infuriare gli insegnanti è che il ddl sicurezza prevede che i medici, in quanto pubblici ufficiali, nell’esercizio delle loro funzioni hanno la “possibilità” di denunciare i pazienti irregolari, venendo a conoscenza di una notizia di reato quale quello di immigrazione clandestina che il ddl introduce. Ma anche gli insegnanti sono pubblici ufficiali, e quindi, per estensione, per lo stesso motivo potrebbero-dovrebbero denunciare alle autorità gli alunni o i genitori irregolari. Gli insegnanti hanno prontamente fatto sapere che questa “possibilità-dovere” si scontra con il diritto all’istruzione e al benessere psicofisico del minore che va sempre anteposto a qualsiasi considerazione di carattere giuridico (status della famiglia) e che la considerano lesiva della loro dignità, della loro professionalità e del loro ruolo educativo.
Invitano pertanto a mobilitarsi e ad esporre cartelli multilingue con la scritta “la scuola non denuncia”.

L’Arci è a fianco dei medici e degli insegnanti in questa battaglia per la salvaguardia del diritto universale alla salute e all’istruzione.

Annunci

Entry filed under: Δραστηριότητες. Tags: .

Banca Etica: se ne discute ad Atene TURIN SHERWOOD CAMP ’09: LA DEGNA RABBIA IN MARCIA!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Prossimi appuntamenti

É ora di riprenderci i nostri spazi pubblici per discutere sul nostro futuro tutti e tutte insieme.
Occupazione pacifica delle piazze pubbliche
Creazione di spazi di incontro, dibattito e riflessione.
É nostro dovere recuperare gli spazi pubblici,
decidere insieme che mondo vogliamo
e costruire le alternative.

Riprendiamoci le piazze! Riprendiamoci le strade!

ll capitalismo globalizzato nuoce gravemente alla salute.... e puo' indurre, nei soggetti piu' deboli, alterazioni della vista e dell'udito, con tendenza all'apatia e la graduale perdita di coscienza ... (di classe) :-))

Articoli Recenti

Calendario

maggio: 2009
L M M G V S D
« Mar   Giu »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: